Translate

giovedì 18 maggio 2017

LOVE AND LOGIC

Ciao!

AMORE E LOGICA
è il titolo di un corso che ho seguito nei mesi scorsi alla scuola (American International School) delle mie figlie qui a Riyadh, un corso per noi genitori.


Il corso è stato diviso in sei incontri, uno al mese, delle durata di circa due ore e mezza/tre ore di video, dialoghi, lettura del libro che ci è stato dato al primo incontro e anche di tante risate!
Nei video che abbiamo visto JIM FAY e suo figlio CHARLES FAY spiegano l'importanza di ogni nostra azione nei confronti dei nostri figli, spiegano l'importanza di come il nostro approccio (con amore e logica) ad una determinata situazione può fare la differenza nell'educazione dei nostri figli.
I video erano sempre molto piacevoli da guardare, simpatici e spiritosi...anche quando non capivo subito la battuta...capire l'americano per me rimane sempre un'impresa!

Cercate i loro video Love and Logic su YouTube ce ne sono tanti, inoltre se volete ci sono anche molti libri, questo quando l'ho visto mi è piaciuto molto per la sua copertina e forse anche perché finalmente da quella fase 0-6 anni ne siamo usciti!
Durante i vari incontri alcuni insegnamenti mi hanno particolarmente colpito perché sono i miei punti deboli, quelli su cui devo sicuramente lavorare MOLTO...vista l'imminente età adolescenziale delle mie figlie come:
RIUSCIRE A RIMANERE CALMI!!! (Mission impossible)
IL SAPER METTERE FINE AD UNA DISCUSSIONE...quando la calma manca!
INSEGNARE AD ESSERE RESPONSABILI DELLE PROPRIE AZIONI (non vogliono fare i compiti, dovranno spiegare al l'insegnante perché )...io urlo perché li facciano sempre!
DARE DEI LIMITI....qui io tendo più a esagerare coi limiti che a non darli.
LASCIARLI SBAGLIARE (praticamente...mission impossible 2)
...
La lista potrebbe continuare ancora ma mi limito a questi punti su cui voglio lavorare...se solo riuscissi ad imparare a non esplodere come un vulcano ogni volta!!!
Intanto io mi sono già prenotata per i corsi del prossimo anno e ho anche chiesto se è possibile farne uno per i genitori dei TEENS.

venerdì 28 aprile 2017

Al mercato dei cammelli

Ciao!
Il tempo quest'anno qui a Riyadh è meno caldo del solito ma le temperature si stanno comunque alzando, ora si aggirano intorno ai 38° di giorno e 25° la sera e poi capitano giornate come oggi che il cielo è grigio e si sta veramente bene.
Venerdì scorso ne abbiamo approfittato per fare ancora un giretto nel deserto e siamo stati ad un mercato dei cammelli fuori città.

 I cammelli mi piacciono molto  perché li trovo simpatici anche se spesso puzzolenti e ne ammiro la loro forza fisica.

Il cammello arabo altro non è che un dromedario, tutt'ora viene utilizzato dai beduini per i loro spostamenti nomadi nel deserto, viene definito "la nave del deserto" (safinat al-barr) per la sua grande resistenza nel percorrere lunghe distanze anche in carenza di cibo e acqua.

La gobba del cammello arabo a differenza di quella del cammello non si affloscia svuotandosi ma si rimpiciolisce.


I cuccioli di cammello arabo nei loro comportamenti sono molto simili ai puledri, sono simpatici, impacciati, buffi e infinitamente dolci, io li adoro, potrei passare ore ad osservarli mentre cercano di trovare un equilibrio su quelle loro lunghe gambe tremolanti, e poi hanno degli occhioni dolci con delle ciglia lunghissime.


Ci è piaciuto molto vedere da vicino le selle che i beduini usano sui loro cammelli, le redini, le museruole e le enormi sacche nelle quali ci potrebbe stare un bambino!


Beh!....Lo ammetto, le selle e le sacche non le abbiamo solo guardate ma le abbiamo anche comperate!
Ora il problema sarà portarle in Italia quando torneremo ma a quello ci penseremo a suo tempo.

mercoledì 12 aprile 2017

Vacanza in Egitto

Ciao!
La scorsa settimana siamo stati in vacanza a Sharm El Shaik in Egitto, era da tanto che desideriamo fare una settimana di relax, cosa per noi molto insolita visto che siamo sempre con lo zaino in spalla a macinar chilometri...sarà che stiamo diventando vecchi?!?



Abbiamo alloggiato al Cleopatra Luxury Resort dove ci hanno coccolato e viziato per tutta la vacanza, il resort è molto verde e ben curato, ci sono tre piscine grandi e due più piccole per i bambini,sulla spiaggia le bambine hanno giocato pomeriggi interi a costruire castelli di sabbia e bastava fare qualche passo in acqua per vedere tantissimi pesci colorati, che belli!




Io non so nuotare, anzi a dire le cose come stanno io ho proprio paura dell'acqua, ma il Mar Rosso e la sua Barriera Corallina erano così belli e ricchi di colri che nonostante la paura ho provato a fare Snorkelling per ben due volte, una anche in mare aperto!...ovviamente con giubbotto salvagente, ciambella alla quale ero saldamente attaccata e il bagnino costantemente al mio fianco.

La scena era alquanto ridicola, ma ogni volta che infilavo la testa sotto l'acqua era bellissimo vedere i pesci dai tanti colori nuotare intorno a me, i coralli con le loro forme e colori così belli e tutto così limpido e vicino a me.
Mio marito e mia figlia hanno provato anche a fare immersione e dopo aver visto il loro video sott'acqua non vedo l'ora di provarci anch'io!

Durante la gita in barca abbiamo avuto anche la fortuna di vedere 5 delfini nuotare intorno a noi!


Non potevamo andare in Egitto e non andare a vedere le piramidi, così abbiamo oraganizzato una gita di un giorno a Cairo, ci siamo rivolti ad un tour operator che dall'aeroporto ci ha portato al Museo Egizio, una guida turistica ci ha fatto visitare l'interno del museo e poi ci ha accompagnato a visitare le piramidi a Giza, la giornata è stata molto intensa ma ne è valsa veramente la pena, grazie alla nostra guida e ai suoi racconti ci siamo immersi nel passato e che emozione quando siamo entrati in una piramide!



Le difficoltà del paese si percepiscono fin da subito ma questa è stata in assoluto una delle vacanze più belle che abbiamo fatto.

domenica 19 marzo 2017

SAND SLIDING

Ciao!
Che dite...si vede che sono felice???

Finalemte dopo tanto girovagare per negozi abbiamo trovato i SAND SLIDING!!!


Ieri mattina ci siamo svegliati presto e siamo corsi a provarli sulle bellissime dune rosse, c'era molto vento...ma quanto fa male la sabbia sul viso!?!?
È come se ti lanciassero un secchio di spilli in volto...e non sto esagerando!!!
Sappiate che scivolare sulle dune con un SAND SLIDING non è affatto facile, bisogna avere equilibrio e.... per poter scendere da una duna...prima bisogna arrivarci in cima!!!

Il negozio dove abbiamo trovato i SAND SLIDING si chiama AL SANIDI bisogna uscire alla exit 12 e andare verso la exit 13 lo trovate alla vostra destra, il negozio al primo piano è enorme.

C'erano anche...


Buon divertimento!

venerdì 17 marzo 2017

HEET CAVE

Ciao!
Anche ieri mattina a Riyadh il cielo era grigio e minaccioso di pioggia, a dire il vero ogni tanto qualche goccia scappava... ma chi lo avrebbe mai detto che il tempo in Arabia Saudita poteva anche essere così instabile, negli anni precedenti mi era sembrato più corto il periodo di "brutto tempo".

Cosi le nostre gite stanno diventando delle improvvisate dell'ultimo minuto, anche ieri ci siamo svegliati e non sapevamo cosa fare, se restare a casa a pigrottare o uscire, ma appena il cielo si è aperto un po' ho preparato dei panini e siamo partiti alla scoperta delle HEET CAVE.
Il luogo è una meta molto conosciuta, abbiamo anche visto dei cartelli marroni con l'indicazione del luogo, su internet si trovano facilmente informazioni e le coordinate su come raggiungere la zona che non è molto distante da Riyadh.
Dovete seguire la strada per Al - Karj (altra bella gita fatta l'anno scorso), arrivati a Heet il villaggio è molto piccolo e le montagne rocciose (Mount Al Jubayl) sono ben visibili da subito.
Ma se vi troverete davanti a questo paesaggio...



Sappiate che dovete andare più a destra!


Ve lo segnalalo perché ci siamo ritrovati con altre famiglie nello stesso punto e quando abbiamo chiesto a degli uomini del posto ci hanno detto che la zona era di poco più avanti sulla destra.
Comunque il posto non è per nulla difficile da raggiungere, non è necessaria una Jeep.
Però vi consiglio di usare delle scarpe da trekking se volete scendere fino al lago perché la discesa è molto ripida!


C'è stato chi ha fatto anche il bagno!

domenica 5 marzo 2017

RAWDHAT KHURAYM

Ciao!
Finalmente venerdì abbiamo trascorso una bella giornata all'aria aperta!
Ci mancavano molto le nostre gite, ma tra le giornate piovose, nuvolose e fredde che ci sono state durante il mese di Febbraio e alcuni impegni già presi in precedenza... i giorni son passati e con essi anche i venerdì senza uscite.
Ma devo dire che abbiamo recuperato alla grande!


RAWDHAT KHURAYM dista un centinaio di chilometri da Riyadh, ci abbiamo impiegato circa un'ora e mezza per arrivare, il percorso è tutto su strada asfaltata, si parcheggia a bordo strada e ci si immerge subito in questa distesa di verde!

Questo parco è l'area con più vegetazione che abbiamo visto fino ad ora in Arabia Saudita, con fiori, piante, prato ovunque e tante belle farfalle!
Ovviamente ne siamo rimasti tutti molto stupiti e contenti, i bambini hanno giocato a correre nel l'erba, con l'aquilone e a palla fino quasi al tramonto.

L'area è molto frequentata infatti non è stato facile trovare un posto all'ombra di una pianta di acacia dove poter mettere il nostro telo per fare il pic-nic, ma devo dire che siamo stati molto fortunati perché ci siamo posizionati vicino ad un gruppo di persone molto gentili, che come da tradizione locale ci hanno offerto praticamente tutto ciò che avevano, acqua, caffè arabo, datteri, un buonissimo brodo di agnello un po' speziato, fortunatamente troppo speziato per le nostre figlie, così mi sono  bevuta io anche il loro!

Ed infine il piatto forte....l'agnello con il pane arabo appena cotto!!!
Si perché i signori erano super attrezzati, avevano pentole di ogni dimensione, compreso quello per far cuocere il pane.

Io mi sono sentita fino in colpa per tanta gentilezza perché non avevamo molto da offrire a nostra volta, sono solita fare torte e biscotti quando facciamo il pic-nic ma questa volta era stato tutto
improvvisato all'ultimo perché il cielo era un po' grigio appena svegli, così quando abbiamo deciso di partire, abbiamo giusto preparato dei panini e preso la frutta che avevamo con noi!
Quando stavamo per tornare a casa ci siamo accorti che li vicino c'era una gran pozza d'acqua creatasi con le piogge di Febbraio. (chiamarlo laghetto sarebbe esagerato!)

Però una bella foto sono riuscita a farla.

Ci torneremo di sicuro!

martedì 21 febbraio 2017

Janadryah Festival 2017

Ciao!
Venerdì scorso si è concluso lo JANADRYAH FESTIVAL evento nazionale che si ripete tutti gli anni nel mese di febbraio.
Noi ci eravamo già stati lo scorso anno e ci era piaciuto molto, ne avevo parlato quiJanadryah Festival e anche quest'anno non siamo mancati.

Lo Janadryah Festival ci piace molto perché ogni volta scopriamo qualcosa in più sul paese che ci ospita, l'area preposta al festival dalle dimensioni enormi è praticamente impossibile visitarla in un
unico giorno, ci sono tantissimi stand, eventi, spettacoli musicali, danzanti, corse con i cammelli, rievocazioni di antichi mestieri...


Quest'anno come primo stand siamo andati a visitare quello dedicato alla moneta locale (SAR), appena entrati siamo stati accolti da un signore che ci ha regalato un libro molto interessante sul Museo Della Moneta, dove vi sono raffigurate tutte le monete, dalle più antiche a quelle attuali.


Regalo apprezzatissimo dalla sottoscritta che ama i libri...un pò meno dal marito che fino a sera e' andato in giro con una borsina contenente un "mattone"!
Abbiamo gironzolato per quasi quattro ore tra uno stand e l'altro,

Ci siamo fermati ad ascoltare della musica,

Anche nello stand dell'Egitto paese ospite di quest'anno

Ma ci siamo anche fermati con il naso all'insù per una piacevole sorpresa!

E ci siamo anche tanto, tanto divertiti!

Siamo stati allo Janadryah Festival sia in settimana che il venerdì pomeriggio (giorno di festa) e abbiamo sempre trovato tanti visitatori, quest'anno mi ha colpito il numero sempre più crescente di visitatori stranieri, la quantità e qualità di macchine fotografiche che al confronto la nostra normalissima Canon sembrava un giocattolino!